domenica 14 ottobre 2012

Il Principe Azzurro

Oggi, giorno in cui esce una nuova puntata di OUAT, vorrei parlare di una figura che mi sta ampiamente sul membro: il Principe Azzurro.

Parto subito dicendo che non parlerò, nello specifico, del principe glauco di OUAT, il quale comunque  mi resta pesante da digerire, quello su cui voglio fermarmi è il concetto del principe azzurro e della sua presunta integrità.

Prendiamo l'esempio di Biancaneve. Porella, è figa. Ma molto figa. Cioè, non pensate a una bellezza normale, questa era la più bella del reame e lo diceva uno che ha tempo per riflettere: lo specchio.



La strega, notoriamente gnocca perchè le gnocche sono tutte un po' streghe (stronze potrebbe starci, ma non voglio essere volgare e offendere tutte le stragnocche che leggono il mio blog), la strega, dicevo, s'incazza. E non perché Biancaneve torna a casa alle sei come Max Pezzali nella famosa canzone, ma perché lei vuole essere la più bella.

Miss Foresta Incantata deve essere un premio molto ambito, tanto che la Strega scaccia la povera Biancaneve, la quale si deve rifugiare nel bosco sotto consiglio del sicario che avrebbe dovuto ucciderla, ma che, mosso a compassione dalla generosa scollatura di Neve, decide di farla correre e guardarle le tette che ballano, farsi un seghino dietro a un platano della foresta incantata e lasciarla vivere. Ah, il potere di due tette che ballano... riescono addirittura a creare loro stesse la musica, ballando.


Neve si ritrova in difficoltà, ha dovuto fare la quasimignotta per salvarsi la pelle, è stanca e ha fame, decide di entrare in una casetta, rubare cibo e letto ai 7 nani, che erano a lavorare, e di farsi un riposino. Quando i nani tornano, dato che sono impotenti, s'incazzzano (forse tornano alle sei, almeno loro...) e la fanno diventare la loro sguattera.

Ce l'hanno edulcorata un bel po', la storia, in realtà lei faceva le pulizie in lingerie mentre i nanetti cercavano di ritrovare la potenza sessuale... insomma, per la signorina Neve le cose erano abbastanza brutte.


In tutto questo, dov'è il Principe Azzurro? Non c'è.

Dopo un po', lo specchio, che ha il radar per la gnocca, dice alla strega che è arrivata nuovamente seconda al concorso di Miss Forseta Incantata, la strega ha ii suo giramento di satelliti potente e decide di scendere in campo. Ah, no, quello era il nano di Arcore... beh, poco importa, decide di darsi una mossa e di portare in dono a Neve una bella mela avvelenata.

Biancaneve, che apre alla vecchietta senza problemi, si ritrova in regalo una bella mela rossa... porella, lei, quando ha sentito ti regalo una mela, ha pensato subito a un iPhone con cui avrebbe potuto mettere le foto di lei allo specchio del cesso con Instagram e sentirsi sia gnocca che fotografa... invece no, una bella mela rossa.


Neve mangia la mela, cade sotto l'incantesimo e resta addormentata per il dispiacere dei nani che la trovano lì e non possono fare altro che seppellirla. E invece no, i Nani, che sono dei guardoni del cazzo, la mettono in mezzo al bosco, sotto una teca di vetro, un po' come Flavia Vento da Mammucari...


Il Principe Azzurro? Niente, lui è a casa, a far sellare il suo cavallo bianco dallo stalliere, si è fatto bellamente i cazzi suoi, tornei di PES con gli amici, Cinema, qualche ragazza e qualche piccola esperienza omosessuale, ma niente di serio. Il principe Azzurro, in sostanza, non fa NULLA per meritarsi Biancaneve... eppure...

Il principe decide di fare una gita fori porta, probabilmente era alla ricerca di un'edicola per acquistare il DVD di Sara Tommasi, quando si perde, entra nel cuore della Foresta Incantata e trova i nani che tentano di masturbarsi davanti alla teca di una stragnocca che dorme. Avvicinandosi chiede gentilmente: "E se me la limono duro?"

"Prego!" dicono i nani in coro.

Azzurro toglie la teca, la limona e lei si sveglia, lo guarda e pensa "Mi ha limonato con la fiatella del mattino appena sveglia, è un eroe!". Azzurro conquista la gnocca.


Ora, vi rendete conto? Azzurro si è conquistato una gnocca che ha vissuto una vita di merda, da quasimignotta a sguattera, ha abusato di lei dormiente e lei si è pure innamorata... ma quanto può starmi sui coglioni? Diciamo che da uno a dieci, mi sta sui coglioni almeno quindici.

La cosa brutta qual è? E' che le donne vivono la loro vita in attesa di un principe Azzurro, cioè, di uno così. Allora ho capito la ricetta perfetta per avere in sposa la donna più gnocca e avere la certezza di vivere felici e contenti insieme.

La ricetta per diventare il PRINCIPE AZZURRO:
Andate in un posto, cercate la più gnocca. Offritele un cocktail analcolico alla mela, metteteci il Roipnol. Una volta che sarà addormentata, limonatela durissimo, svegliatela e lei si innamorerà di voi. La strega cattiva da sconfiggere potrebbe poi essere la suocera, ma mi hanno detto che i vecchi, spesso, muoiono prima dei giovani, quindi potete anche solo aspettare fiduciosi l'arrivo della signora con la falce e godervi, poi, l'eredità della stronza.

9 commenti:

  1. Miglior post di sempre! Non c'è altro da dire se non che sono, ovviamente, d'accordo con te. :D Critica assolutamente inappellabile! :)Principe Azzurro del cacchio, sta sul membro (che non ho) anche a me. Bah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando qualcosa mi sta sull'estintore, divento più pungente... :P

      Elimina
  2. Spettacolare davvero ahah
    Generazioni di bambine cresciute col mito del principe Azzurro (di cui abbiamo una diapositiva: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/b/bd/Azzurrop.png/280px-Azzurrop.png).
    Ad attendere l'uomo perfetto ovvero, per i canoni delle fiabe: bello, ricco (e col potere) e che non fa assolutamente nulla per meritarsi l'amore della gnoc...donzella. Ditemi se questa cosa non può avere avuto delle ripercussioni psicologiche.
    Tra l'altro non ammazza nemmeno la strega/regina (nel film Disney quantomeno), che a quello ci pensano i nani. Sostanzialmente dei servi della gleba.
    Ma Azzurro non poteva sposarsi la Regina? Almeno c'erano delle motivazioni politiche ed era pur sempre la seconda più bella del reame xD

    Il caso di Biancaneve è un ottimo esempio, ma pure Cenerentola non scherza. Sta ragazza ha alle spalle una vita di abusi familiari e vive/parla coi topi. L'unica via per fuggire alla sua situazione qual è? Fingersi una gran dama (che non sarebbe) e puntare tutto sulla gnoccaggine per infonocchiare... il principe ovviamente, perchè c'ha le due caratteristiche sopra elencate. Dal canto suo lui si limita a partecipare a un ballo organizzato dal padre (essendo principe non ha neppure le responsabilità di regnare ancora) a cui, non ci fosse stata Cenerentola probabilmente non si sarebbe sposato, ma vuoi che una delle gran tope lì presenti non se la sarebbe fatta? ... mal che vada una serva o l'addetta al guardaroba.
    Sceglie lei perchè è figa, manco si parlano, non fa nulla di particolare per conquistarla e il massimo di sbatti in più che fa rispetto al tizio di Biancaneve è andarsene in giro per il paese a fare il feticista dei piedi. Che poi se avesse trovato una con lo stesso numero di scarpe altrettanto gnocca? Mah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il principe di Cenerentola, almeno, si sbatte a cercarla... però è vero, ci si innamora di quella figa, nei film, soprattutto nei cartoni animati! Bastardi, ci hanno rovinato.

      Elimina
  3. Sento (o meglio, leggo su facebook)spesso ragazze recitare cantilene bimbominkiesche della serie: E' colpa della Disney se abbiamo aspettative troppo alte di uomo, di principe azzurro.
    Solitamente mi parte il bestemmione, uno di quelli liberatori..e non ti dico i decibel.

    A parte, e dico a parte, che il simpaticissimo Sig. Disney ha riempito le sue tenere pellicole di messaggi ed immagini subliminali, e non mi si dica che io penso sempre male e c'ho il chiodo fisso. Ma poi.. vogliamo parlare dell'immagine sessista che fa passare? La donna carina e fragile, una di quelle che non spolvererebbe manco la cassettiera di camera sua per non spezzarsi l'unghia con la french appena fatta, ed aspetta che arrivi il bellone (in divisa o in calzamaglia da comico di zelig) a salvare baracca, burattini e verginità che altrimenti resterebbe perpetua.

    Tutto questo per dire cosa? Forse che dal basso dei miei 23 anni abbondanti non ho mai creduto nel principe azzurro. Non perché non esista, ma perché non ho bisogno di essere salvata da nessuno. E poi cheppalle la principessina. Ragazze, sporchiamo le mani ogni tanto. Beviamoci una birra, imprechiamo, sbrighiamocela da sola se foriamo una gomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole con l'aureola! :) Fa bene a tutti scantarsi, donne incluse. Comunque, se una donna cerca il suo principe azzurro, non cerca gente come me... niente calzamaglia, niente cavalli bianchi, voglia di sedermi per terra e di dire cazzate... scoreggio anche molto, ora che ci penso perché ne ho appena fatta una...

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Per quanto molti si rifiutino di crederlo, anche noi donne scorreggiamo. Non ti dico poi durante il ciclo!
    Fossi in te vi dedicherei un post :)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne farò il mio tessssssssssssssssssssoro! :P

      Elimina